progetti

Quasi Cinema – prima del film (1^ edizione)
sei videoclip in programmazione "prima del film" dal 28 aprile all'8 giugno 2016


pagina del progetto

Quasi Cinema – prima del film, per ora, mette in programmazione sei cortometraggi, da proiettare “prima del film”, ossia alle 21.00, per un periodo di sei settimane a partire dal 28 aprile 2016. Al termine del ciclo di proiezioni nel corso di una serata tematica, in data ancora da definire, si racconterà l’iniziativa immaginandone i possibili sviluppi.Le opere del primo ciclo di proiezione sono state selezionate secondo il criterio tematico del videoclip, ossia cortometraggi che presentano opere musicali, ma tra le ipotesi di lavoro per il futuro le potenzialità sono ampie: arte grafica, documentario, sostenibilità ambientale... Non escludendo video già pubblicati sui canali web-social l’originalità e la forza creativa restano i cardini della selezione. Tutto "Quasi Cinema – prima del film" è realizzato nel segno dell’indipendenza e dell’autofinanziamento, inclusa lapromozione, affidata ad una strategia social basata su una serie di visual realizzati ad hoc e diffusi anche tramite newsletter oltre che mediante affissioni in sala. Ultimo, ma non meno importante: nessun sovrapprezzo al biglietto di ingresso in sala.

Calendario delle proiezioni
Opera_Autore / Musicista / Data di proiezione

1 Solo andata_A. Gassmann / Canzoniere Grecanico Salentino / 28 aprile – 4 maggio
2 Àremu rindinèddha_E. Marullo, L.Toma / N.Giannuzzi, V. Daniele / 5 – 11 maggio
3 Luglio_A. Giammaruco, L. Toma / La Rocha / 12 – 18 maggio
4 Un Re_L. Toma / La Rocha / 19 – 25 maggio
5 Polemonta_A.Giammaruco, L. Toma / LUZ / 26 – 1 giugno
6 Canzone arrabbiata_G. De Blasi / R. Nigro, R. Andrioli / 2 – 8 giugno

 

 

AWAKE - Il sentiero della felicità - La vita di Yogananda
Un film di Paola di Florio, Lisa Leeman
venerdì 4 marzo 2016_ore 21.00
in versione originale "VOICE OVER" (ovvero doppiata in Italiano eccetto per le voci, sottotitolate, di Yogananda (originale e narrante) e George Harrison.) - clicca qui se vuoi vedere il trailer "Voice Over"

evento MOVIEDAY CONFERMATO.

Prenota il tuo biglietto QUI (movieday.it) o chiedi INFO allo 0832.875283/ Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

promosso da Cosmic Vegan fest

prezzo biglietto: in prevendita (sito di movieday o alla cassa del cinema) € 4,50
prezzo biglietto: la sera dell'evento € 5,50

Awake è un tesoro assoluto che non dev'essere visto soltanto, ma soprattutto dev'essere vissuto. (The Movie Network)

Sognante, incantevole. (The Washington Post)

Awake: la vita di Yogananda è una biografia non convenzionale sullo yogi e guru che ha trascorso gran parte della sua vita negli Stati Uniti d'America e che ha introdotto molti degli insegnamenti di meditazione del Kriya Yoga soprattutto attraverso il suo libro, Autobiografia di uno Yogi (a quanto pare, unico libro che Steve Jobs ha avuto sul suo Ipad), tradotto in trentacinque lingue. Utilizzando un mix continuo di filmati d'epoca e di finzione, questo documentario prende il pubblico per mano portandolo a conoscere la vita di un santo che ha cambiato il mondo occidentale. Ogni sguardo, ogni fermo immagine, ogni musica, ogni parola è qualcosa che tocca in profondità lo spettatore per portarlo alla ricerca della verità tanto accarezzata, sognata e approfondita da Yogananda. Evocando il viaggio dell'anima, il film crea un'immersione nei regni invisibili lontani dal mondo materiale e dall'ego umano che noi tutti conosciamo. Un capolavoro epico e senza tempo.

COSMIC VEGAN FEST: Il film su Yogananda, uno dei più incisivi yogi giunto ai nostri tempi.  Ci dedichiamo un momento di condivisione per un meraviglioso viaggio tra gli insegnamenti e la vita di un grande maestro, Paramahansa Yogananda.  L'unica proiezione in provincia di Lecce che segna la costruzione dei primi passi verso la seconda edizione del Cosmic Vegan Fest - Puglia , manifestazione sull'alimentazione, la spiritualità, la salute, l'ecosostenibilità che si terrà a settembre.

pagina FB

 

top


IL PAESE DOVE GLI ALBERI VOLANO
Eugenio Barba e i giorni dell'Odin Teatret
un film di Davide Barletti e Jacopo Quadri


ANTEPRIMA_
sabato 23 gennaio_ore 21.00
introduce Gabriele Russo
a fine proiezione parleremo del film insieme a
Mauro Marino giornalista
Gigi De Luca Istituto di Cultura Mediterranea
Luigi Lezzi attore
Davide Barletti regista del film

musica a cura di Antongiulio Galeandro

nella serata offriremo un cine-aperitivo a 2,50 €

 

 

REPLICA proiezione_domenica 24 gennaio_ore 21.00

IL PAESE DOVE GLI ALBERI VOLANO. Nella silenziosa provincia danese si prepara una festa crepitante per i cinquant'anni dell'Odin Teatret, la compagnia che con la guida di Eugenio Barba ha cambiato la scena teatrale del secondo Novecento. Artisti, giovani e giovanissimi, provenienti da tutto il mondo si mettono in gioco a Holstebro sotto lo sguardo impetuoso del regista dai piedi scalzi e dai capelli bianchi. Risuonano a cielo aperto le diverse latitudini del linguaggio dell'Odin e l’origine sempre viva di questa comunità allargata e atemporale, intrico di umanità selvatiche e potenza dell'arte, che il film scruta con profondità raccontandone le intuizioni, i paradossi, gli orizzonti.

“Tutto scompare, tutto muore, ma il teatro resta il posto dove anche gli esseri più anonimi hanno la possibilità di diventare personaggi”.Nella silenziosa provincia danese si preparano i festeggiamenti per i cinquant’anni dell’Odin Teatret, la compagnia teatrale di ricerca che, sotto la guida di Eugenio Barba, ha cambiato le coordinate dello spettacolo del secondo Novecento alimentando il proprio alfabeto attraverso le culture sceniche del mondo. Ed è dalle più diverse latitudini del pianeta – Kenia, Bali, Brasile, India, e anche Europa – che arrivano nella città di Holstebro squadre di bambini, ragazzi e artisti chiamati a dare energia con acrobazie, musiche e voci a un evento corale, sotto lo sguardo impetuoso del regista dai piedi scalzi e dai capelli bianchi.L’Odin Teatret non è solo una compagnia, è una comunità allargata e atemporale, è flusso visionario e quotidianità irriducibile, è un intrico di umanità selvatiche di cui questo film scruta con tenerezza la costanza, le intuizioni, i paradossi e gli orizzonti. Attori che sono anche muratori-sarti-organizzatori, un sindaco postino-intellettuale, una fattoria prestata al teatro e un regista saldatore-boscaiolo hanno dato vita nel corso di mezzo secolo a un sodalizio tra visione politica e valore universale dell’arte. La preparazione di questa festa – che innesta ritmi tribali e classicità occidentali nella divertente ricerca di una lingua comune – invoca la possibilità del teatro di miscelare cielo e terra, tra falò rigenerativi e alberi che volano.
Nelle ventose praterie danesi abbiamo trovato un paese magico, dove bambini provenienti da tutto il mondo fondono la loro arte con un’esile e apparentemente silenziosa comunità locale, abbiamo scoperto un approdo dove marinai, saldatori, poeti, attori, musicisti ed emigranti hanno costruito un teatro fatto non di mura ma di relazioni umane. In questo Paese abbiamo assistito a come, con una disorientante energia, si può costruire uno spettacolo delicato, visionario e irripetibile. Ci siamo accorti che vivevamo nel paese dove gli alberi volano. Il nostro film racconta questa scoperta. (Davide Barletti, Jacopo Quadri)

sito
pagina FB



top

 

 

 

 

evento confermato
acquista il biglietto in prevendita qui o prenotalo alla cassa del cinema (x info tel. 0832.875283)

venerdì 22 gen 2016_ore 21.00 UNLEARNING di Lucio Basadonne_evento Movieday

Unlearning, reduce dal successo di molti festival nazionali e internazionali, puoi vederlo al Cinema Elio. Acquista in anticipo i biglietti QUI.

se vuoi puoi acquistare il biglietto anche alla cassa del cinema (info 0832.875283)

prezzo biglietto: in prevendita (sito di movieday o alla cassa del cinema) € 4,00
prezzo biglietto: il giorno dell'evento € 5,00

 

Venite a scoprirlo :)

Il regista e papà Lucio Basadonne ci racconta perché: Il nostro è un progetto nato dal basso, e vuole mantenere la stessa linea. Volete vedere al cinema la nostra storia? Abbiamo lasciato la nostra casa di città per fare un viaggio di sei mesi senza spendere denaro... La nostra bimba di 6 anni era con noi! Baratto, autostop, scambio lavoro con circhi, ecovillaggi, comuni... E come siamo tornati?

Unlearning è stato definito "Un inno gentile alla disobbedienza" e questa è l'unica occasione per vederlo nella tua città.

Sinossi. Otto ore di lavoro al giorno a testa, bambina a scuola fino alle quattro del pomeriggio, babysitter.... Quando arriva il momento più importante della giornata, la cena, ci ritroviamo sfiniti a parlare di mutuo e bollette, organizzando un'altra giornata di sopravvivenza. Questo è il modello comune che finora abbiamo vissuto, che ci confina in uno stile di vita che a nostra volta stiamo trasmettendo ai nostri figli come assunto di verità. Ma se lasciassimo la zona comfort della nostra esistenza, “disimparando” la religione del comfort per condividere i tempi, gli spazi, le logiche e i meccanismi di relazione con chi ha un concetto diverso di famiglia? Come vedremo la nostra vecchia vita al nostro ritorno? E, soprattutto, la vorremmo ancora?

Un documentario sulla fiducia, su un’Italia di uomini, donne e bambini che, all’omologazione, hanno risposto facendo della propria esistenza un inno alla diversità per aprirsi al cambiamento.Senza un’autovettura a disposizione hanno dovuto arrangiarsi con il carpooling, percorrendo così oltre 5000 Km in compagnia di sconosciuti; hanno vissuto ogni nuovo incontro come una possibilità, imparando a lasciare a casa paranoie, retaggi culturali imposti, prestandosi a dare una mano nei modi più disparati per ottenere vitto e alloggio: dallo zappare la terra al vendere zucchero filato, vivendo ogni occasione per crescere come famiglia, per capire davvero cosa conti in una squadra per definirsi tale.Sei mesi di viaggio al costo di poche centinaia di euro: per realizzare il progetto la famiglia ha usato il baratto scambiando competenze, casa, oggetti e tempo…Un documentario familydriven che racconta il punto di vista non certo oggettivo di un’ ansiosa insegnante in aspettativa, un regista televisivo stanco di format ripetitivi e una bambina di 5 anni in balia degli eventi.Unlearning è il viaggio di Lucio, Anna e Gaia attraverso ecovillaggi, comunità, famiglie itineranti per conoscere chi ha avuto il coraggio di cambiare.

top

 

 

sabato 31 ottobre_spettacolo ore 21.00_presso Cinema DB D'essai - Lecce
OGNI VOLTA CHE PARLO CON ME un film di Matteo Greco e Ippolito Chiarello

ingresso intero 6,50 €
ingresso ridotto 5,00 €

scheda artistica

top

 

 

 

giovedì 6 marzo_ore 21.00 - biglietti esauriti

STASERA È PIÙ FORTE IL TERRORE
recital ispirato all’opera “la buona novella”
con Mino De Santis nel ruolo di Fabrizio De Andrè

“…..solo i "dissensi" del passato, consegnati alla storia, hanno riacquisito il diritto di dignità, perché hanno deciso di " sedere in disparte", assumendo identità propria e separata; sono diventati "altri" e ciò basta per accettarli "accanto”…. Poi un boato ti fa risvegliare di colpo e scopri che un eretico è stato annullato,la rabbia si mischia col dolore le domande fanno eco alle recriminazioni…si vorrebbe allora restituire la divisa con i galloni dorati mettersi in posa nelle foto per gli alberi commemorativi poi ci si abitua a convivere con la rabbia fino a “quando il rimpianto diventa abitudine”.
…è la celebrazione degli eroi borghesi…definiti eretici perché non in linea col potere centrale…uomini liberi in libere idee…che hanno pagato con la vita la loro scelta…”
"Stasera è più forte il terrore" rappresenta il terzo capitolo della trilogia basata sull'opera di Fabrizio De Andrè, e riguarda l'album "La buona novella".
Riguarda gli eretici intesi come "eroi civili" che vanno in direzione "ostinata e contraria"...Padre Pino Puglisi eretico rispetto al quartiere Brancaccio, Pasolini eretico rispetto alla cultura ufficiale della sinistra, i giudici e gli uomini dello stato uccisi dalla mafia eretici rispetto ad un sistema giustizia che li ha lasciati soli...Falcone e Borsellino...eroi solitari che col loro sacrificio aprono la strada alla "partecipazione civile" di massa.

voce e chitarra mino de santis
voce narrante donato chiarello
violino valentina marra
percussioni antonio tau
chitarra marcello zappatore
contrabbasso stefano rielli

idea e testi alberto minafra

top

 

 

 

 

 

martedì 25 febbraio 2014 - data unica - spettacolo ore 21.00
prezzo biglietto 4,50€


IN VIAGGIO CON CECILIA un film di Cecilia Mangini e Angela Barbanente
interverranno alla proiezione le registe del film
presenteranno la serata Davide Barletti e Paolo Pisanelli

A quasi quarant’anni dalla sua ultima regia (La briglia sul collo, 1974), torna dietro alla macchina da presa Cecilia Mangini, una delle figure più significative della storia del cinema italiano: prima donna a girare documentari nel dopoguerra, l’autrice di capolavori come Ignoti alla città e La canta delle marane ha raccontato dalla fine degli anni Cinquanta alla metà dei Settanta un’Italia divisa tra boom economico e contraddizioni sociali.

In viaggio con Cecilia è il titolo del nuovo film, diretto a quattro mani con Mariangela Barbanente (già regista di Ferrhotel e sceneggiatrice, tra gli altri film, de L’intervallo di Leonardo Di Costanzo), che, dopo aver aperto come Evento speciale il 54. Festival dei Popoli, arriva nelle sale da fine gennaio, con un "tour" che porterà il film e le sue autrici nelle principali città italiane.

Nato nell’estate del 2012, con l’obiettivo di raccontare con un film on the road com’è cambiata la “loro” Puglia (entrambe le registe sono nate a Mola di Bari), terra che è stata tra i temi centrali dell’opera di Cecilia Mangini, In viaggio con Cecilia ha da subito voluto intrecciare epoche e luoghi, facendo dialogare le immagini d’archivio con quelle del presente. Ma in quella stessa estate del 2012, un giudice ordinava l’arresto di Emilio Riva, il “padrone” dell’ILVA di Taranto, dichiarando che la città è ostaggio dell’inquinamento che l’acciaieria produce. Il viaggio diventa così l’occasione per confrontarsi con alcune domande che nei decenni passati Cecilia Mangini aveva posto al centro della sua ricerca: come guardare all’industria che riscatta una terra, che la traina fuori dalla sua dimensione arcaica, ma al tempo stesso la pone in un presente crudele e contraddittorio? Le riposte non possono che essere cercate nelle persone incontrate: prospettive personali e uniche su un tema collettivo che ci mette in discussione oggi come ieri.

«Il film – spiegano le autrici – è cambiato in corsa perché la realtà ci ha sorpreso. Siamo partite con l’idea di raccontare come un territorio è mutato in 50 anni – in un confronto tra due sguardi diversi e grazie alla testimonianza dei documentari girati da Cecilia negli anni Sessanta – ma quando siamo arrivate a Taranto, e poi a Brindisi, le due città, seppure in modo differente, si sono rivelate un laboratorio di ciò che stava succedendo nell’intero Paese. E così ci siamo buttate nella mischia: abbiamo parlato con le persone che incontravamo, ci siamo confrontati con la loro storia. E il nostro viaggio da fisico è diventato emotivo. Un viaggio fatto di memorie passate, testimonianze presenti e riflessioni»

«Le immagini di oggi – continua Mariangela Barbanente – dialogano costantemente con quelle di ieri, in particolare con Brindisi ’65 e Tommaso (1966), in cui Cecilia aveva già posto specifiche domande sul problema della industrializzazione meridionale, e con Essere Donne (1964) e Comizi d’amore ’80 (1982, realizzato insieme a Lino Del Fra), dove aveva analizzato i cambiamenti sociali e culturali relativi alla nascita e al radicamento di una nuova classe operaia e il ruolo della donna in una società così fortemente cambiata».

In viaggio con Cecilia è un film prodotto da Gioia Avvantaggiato per GA&A Productions, in associazione con Elenfant Film, in associazione con Rai Cinema, con il sostegno della Cineteca di Bologna e del Centro per lo sviluppo dell'audiovisivo e dell'innovazione digitale in Emilia Romagna e il contributo dell’Apulia Film Fund. Film riconosciuto d’interesse culturale con il sostegno del MiBAC – Direzione Generale per il cinema.

Regia CECILIA MANGINI e MARIANGELA BARBANENTE – montaggio PIERO LASSANDRO – fotografia ROBERTO CIMATTI - Suono di presa diretta GIANLUIGI GALLO – Musiche TEHO TEARDO –montaggio del suono ALESSANDRO FELETTI e DARIO CALVANI – durata: 74’

trailer
facebook

top

 

 

 

 

TRASHED, verso rifiuti zero

un film di Candida Brady, con JEREMY IRONS e le musiche di Vangelis

IN PRIMA NAZIONALE GIOVEDI' 13 GIUGNO 2013

INIZIO ORE 20.45

PREZZO DEL BIGLIETTO 3 €

A seguire dibattito sul tema con associazioni, progetti virtuosi ed esperti del settore.
IL TRAILER (ITALIANO)https://www.youtube.com/watch?v=ohPS2To2QCE
TRASHED fa parte della Campagna Legge Rifiuti Zero, la cui raccolta fireme entra nel vivo. Riscrivere il futuro oggi puoi! Comitati territoriali, materiali e informazioni su: www.leggerifiutizero.it | www.rifiutizerocapannori.it | www.zerowasteitaly.blogspot.com
“C'è bisogno che questo argomento fastidioso sia compreso e condiviso dal maggior numero possibile di comunità in tutto il mondo per promuovere le soluzioni più creative e produttive. E' qui che i film possono giocare un ruolo importante: educare la società, portando argomenti 'difficili' a un pubblico il più ampio possibile. Abbiamo il dovere di rivolgerci alle nuove generazioni distinguendo 'qualità' della vita da 'quantità' di vita. Speriamo che il film sappia dimostrare come cambiando il modo in cui viviamo le nostre vite saremo in grado di contribuire al nostro benessere e alla sopravvivenza del pianeta”. (Jeremy Irons)
“Un film impressionante, un monito per uscire dall'era sporca degli inceneritori e andare verso la civiltà dello spreco zero” (Rossano Ercolini, vincitore del Goldman Environmental Prize 2013 per L'Europa).
Satya Doc - Cinehall Distribuzione è orgogliosa di presentare, dal 12 Giugno al cinema,TRASHED – Verso Rifiuti Zero, lo sconvolgente film documentario di Candida Brady, presentato nella Selezione Ufficiale al Festival di Cannes 2012, che racconta l'inarrestabile deriva dell'inquinamento globale.
Jeremy Irons ci conduce attraverso i cinque continenti, mostrando quanto l'inquinamento dell'aria, della terra e degli oceani stia mettendo sempre più in pericolo non solo la salute, ma la stessa esistenza del genere umano. Un film che è un feroce atto d'accusa nei confronti della grande economia mondiale, ma anche un forte incitamento alla lotta e al cambiamento. In nome di un mondo migliore.
Premi e riconoscimenti:TRASHED ha vinto l'Audience Award Movies That Matter al Maui Film Festival 2012, lo Special Jury Prize presso il Tokyo Film Festival 2012, lo Special Docu al Fife International Environmental Film Festival 2013. Nel 2012 è stato selezionato al Sarajevo Film Festival,Planet in Focus Film Festival, all'Abu Dhabi Film Festival, al Rio de Janeiro Film festival, all'Espoo Ciné International Film Festival e al Raindance Film Festival, oltre alFestival di Cannes.

top

 

 

 

L'Ecologico International Film Festival promuove, attraverso il cinema, lo sviluppo di una coscienza ambientale. Il Cinema Indipendente coraggiosamente testimonia da anni attraverso film e documentari il conflittuale rapporto uomo/natura. Il nostro obiettivo è di sensibilizzare tutti gli attori sociali a considerare il nostro pianeta come un sistema vivente.
Si riparte con la nuova edizione dell'Ecologico International Film Festival che avrà come sede di partenza e d'arrivo Nardò, ma che come di consueto si svolgerà nel mese di agosto in altri comuni del Salento. In questi giorni è appena partito il bando per le iscrizioni dei film (Corti, medi e lunghi) che scadrà il 30 aprile 2012. Tre le categorie di autori: Film di Autore singolo; Film di più Autori; Iscrizione Scuole.


top

 

presentano

venerdì 21 ottobre ingresso 5.00 € - inizio spettacolo ore 21.00

Ha “una storia da raccontare” fatta di tante piccole storie Mino De Santis, cantautore ironico, paroliere salentino armato di chitarra, dallo spigliato genio pungente e sardonico. Oltre alla tormentata vicenda d’un padre annichilito dal desiderio di un maschietto, o quella del moribondo che alfin trapassa, alle poesie messe in musica per la magia della sua terra, il Salento o sua maestà l’ulivo, la voce marcata e profonda si trastulla in più o meno mascherate metafore di pregiudizi e difetti, in un’esilarante “batracomiomachia” dei caratteri salentini, passando con irriverente comicità per l’opportunismo politico, l’emigrazione, la disoccupazione, il menefreghismo, un mix coinvolgente e trascinante in cui “tutto è cultura”.

Finalmente! Dopo oltre vent’anni ad allietar serate e cene tra amici con oltre duecento canzoni e la chitarra sempre in spalla, Mino De Santis presenta il suo primo cd: “Scarcagnizzu”, ovvero quella folata di vento improvvisa che arriva dal basso e solleva terra, foglie e tutto ciò che incontra, per poi riprendere nuove direzioni, è il titolo dell’album del cantautore di Tuglie, progetto nato dopo l’incontro-colpo di fulmine con il Fondo Verri di Lecce che ne ha prodotto la pubblicazione, e ospita la chitarra di Valerio Daniele, la voce di Dario Muci, i fiati e il piano di Emanuele Coluccia. Soffia un vento nuovo, dunque, nella musica salentina, e “viene dal basso”, un vento che trova nella voce profonda di Mino De Santis, e nel suo genio avvezzo alla rima, il veicolo per raccontare una storia fatta di tante piccole cartoline, che illustrano a parole Salento e salentini, in una visione lontana dalle solite “tradizioni”, immagini ironiche, nostalgiche, mai rassegnate e soprattutto vere. Sa intessere lodi e decantar poesie di parole e note in “Salentu” o “Arbulu te ulie”, gioca a dipingere folklore e luoghi comuni del suo e di tutti i paesi ne “La festa patronale”, “Lu moribondu” e “Lu masculazzu”, tocca le sorti degli “emigranti di razza” in “Vanne alla Svizzera”, ma è soprattutto nel popoloso mondo animale che trova metafore per parlare di sé, della sua gente, della società di proletari e borghesi, come in “Lu cavaddhu malecarne”, “La malota & lu salanitru” o “Lu cane”, passando per il sociale, l’opportunismo politico, il lavoro che non c’è, il menefreghismo, chiudendo con un monito: occhio a riconoscere lo “sguario” perché di questi tempi è facile cadere nella trappola del fermento e del risveglio di un Salento in cui ormai “Tuttu è cultura”.  Marina Greco(qui Salento)

Si consiglia prenotare al 0832875283 mob. 3386606640 o Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.


top

 

 

KAMA_D'AUTORE_LIBERA_NOMENI per Antonio Montinaro_Comune di CALIMERA

presentano

mercoledì 28 settembre 2011

Gherardo Colombo

incontra gli studenti e chiunque desideri ascoltarlo

INGRESSO LIBERO

INIZIO ORE 19.30

SCRIVIAMO INSIEME UNA PAGINA DI DEMOCRAZIA

NON MANCATE


top

 

venerdì 3 giugno 2011

Pittura, illustrazione, movimento, si fanno poesia

Una sera dedicata ai corti d'animazione

ingresso libero

 

Abituati a pensare che cio' che viene da "altrove" sia migliore, anestetizzati dalla televisione e da buona parte del cinema americano, spesso ignoriamo un Cinema a disegni animati che il resto del mondo ci invidia, divulga e conosce bene.In Italia la storia dei disegni animati è lunga, tortuosa e frammentaria. Si va dai fasti 'industriali' e televisivi del Carosello degli anni 60, ai pochi e indimeticabili lungometraggi di Luzzati e Bozzetto, fino ad un 'Cinema Corto' caratterizzato da chiaroscuri, silenzi e piani sequenza. Questo che vi proponiamo è solo un piccolo viaggio sulle rotte tracciate da giovani autori italiani,pluripremiati nei festival specializzati in giro per il mondo; a loro vengono dedicate retrospettive e spesso le loro opere diventano oggetto di studio. E' un cinema intriso di poesia che si muove a ritmi meno frenetici, la delicatezza di un "foglio che piove dall'alto", dove il paesaggio, il tempo e la memoria hanno medesima importanza. La ricerca di percorsi tra figurazione e movimento, esplorando tecniche molteplici, ha prodotto ottimi risultati. "Arte plastica in movimento": l'animazione e' un linguaggio complesso che arriva a raccontarci, regalarci storie e visioni, utilizzando tutto cio' che puo' animare la fantasia.



GIANLUIGI TOCCAFONDO

LA CODA (1989)

LA PISTA (1991)

LA PISTA DEL MAIALE (2002)

ESSERE MORTI O ESSERE VIVI E' LA STESSA COSA (2000)

PINOCCHIO (1998)

ITALIA TAGLIA (1997)

Gianluigi Toccafondo ha saputo creare un linguaggio cinematografico in cui la scomposizione del movimento e la deformazione del tempo fondono, e sovrappongono le sue immagini di pittore con quelle del cinema classico e delle  sue icone. Un artista a tutto tondo, innamorato dell'arte grafica, del cinema e delle loro ibridazioni e trasformazioni. Nell'ambito dell'animazione d'autore, quella che nasce per sole esigenze di ricerca artistica e che (purtroppo) si vede proiettata solo ai festival, il nome del nostro Gianluigi Toccafondo occupa un posto di particolare rilievo. Pittore, illustratore e cineasta, Toccafondo si presenta come il capofila di quella generazione di pittori prestati all'animazione che sta caratterizzando  la scena italiana, al punto che Giannalberto Bendazzi ha cominciato a parlare di un vero e proprio movimento neopittorico.(Giovanni Russo). Attivo anche in pubblicità e in televisione, ha realizzato sigle per programmi di successo (Tunnel), il logo e la sigla della Fandango (che ha prodotto i suoi ultimi film), campagne rimaste famose come quella, ormai decennale, per la Sambuca Molinari (su regia di Pietro Follini) e nel 1999 la sigla d’apertura della 56ª Mostra del Cinema di Venezia, che vedeva protagonista un’ Asia Argento trasfigurata in sirena. E’ stato aiuto regista del film Gomorra di Matteo Garrone.

 

SIMONE MASSI

IMMEMORIA (1995)

PITTORE, AEREO (2001)

TENGO LA POSIZIONE (2001)

PICCOLA MARE (2003)

IO SO CHI SONO (2004)

LA MEMORIA DEI CANI (2006)

Tutto, nel cinema di Simone Massi (in questo caso vicino a Piavoli e De Andre'), sembra custodire un legame indelebile  con qualcosa che lo mantiene in vita, che lo nutre senza saziare una fame di raggiungere un altrove. Prima di essere animate nei fotogrammi dei corti le immagini vengono incise, come le facce dalle rughe i corpi dal tempo. In queste insenature scorre il senso di ingiustizia, la coscienza di un'offesa subita, la fiducia nella forza di un'idea che si oppone alle macerie della sconfitta, la piccolezza della condizione umana che pero' non riguarda coloro che vivono ai margini, ma la violenza di chi impone di escluderli cancellandoli dalla Storia. Cio' che resta e' l'eredita' di una civilta' contadina, un piccolo frammento di intimita' e un atto di pasoliniana vicinanza che cresce come smisurato inno al ricordo, a pezzi di esistenza da non lasciare allacenere dell'oblio e a brandelli di un "prima" che preme per riemergere con potenza visionaria.(duellanti, marzo 2010)

ed altri lavori di artisti stranieri

RYAN LARKIN, FEDORENKO E LAMB, JOAN GRATZ, AMANDA FORBIS, GEORGES SCHWIZGEBEL, JOANNA QUINN

a cura di Emanuela Delle Donne e Pietro De Carlo

top


 


 

siamo orgogliosi di informarvi che il film MAMMALITURCHI! è stato selezionato al 28.mo FILM FESTIVAL DI TORINO

concorrerà nella sezione italiana.corti


Mammaliturchi!

Regia, soggetto, operatore, fotografia, luci, filtri, disturbi, montaggio, titoli: Carlo Michele Schirinzi
Musica e suono: Stefano Urkuma De Santis “Mammaliturchi!” (S. de Santis – 2010)
Assistente: Marcello Ciullo
Backstage fotografico: Marcello Ciullo, Stefano De Santis
Produzione: Gianluca Arcopinto / Gabriele Russo e Massimo Floris per Kama Soc. Coop. a.r.l. / Carlo Michele Schirinzi
Anno di produzione: 2010
Paese di produzione: Italia
Durata: 17’00”
Formato originale: miniDV
Aspect ratio: 4/3
Colore: colore
Suono: stereo

Film Festival:
28° Torino Film Festival, Torino
32° CINEMED Festival International Cinéma Méditerranéen, Montpellier, Francia.

Sinossi:
Rivive il percorso della continua migrazione all’interno di un buio container mentre, a tratti, riemerge l’immagine inabissata di un ex centro d’accoglienza abbandonato e distrutto: un relitto da cui trasuda il dramma di ciò che è stato, dalla fuga ai maltrattamenti…intanto l’acqua picchia le retine sfocando le possibilità d’infinito.

Dichiarazione del regista:


Isaia 21 / Don Tonino Bello

Il protagonista è un ex centro d’accoglienza chiuso da qualche anno per gli scandali dovuti al trattamento degli ospiti.
Il film non vuole essere un attacco ai carnefici, né un compatimento delle vittime, non vuol essere una critica ad un metodo sbagliato, né un calcio ad una legge che ha permesso di creare nuove prigioni mutando il significato del termine ‘ospitalità’: una visione d’apnea documenta con occhio vitreo l’enorme relitto inabissato in cui tutto è sospeso come in un fondale cullato dalle acque…è come se uno dei tanti cadaveri custoditi del Mediterraneo s’aggirasse clandestinamente tra le piastrelle bianche di questo corpo profanato.
I lentissimi movimenti di macchina inscrivono le macerie nella purezza formale dell’inquadratura: è l’eco del rigore abusato che scontra violentemente l’archeologia delle vite qui stipate.
Ciò che è successo è solo uno dei tasselli che compongono un mosaico ancora più grande, l’intento allora, è scagliare un sasso all’impossibilità di modificare la propria esistenza, tirare un urlo al cielo mentre un liquido velo amalgama il tutto in tonalità pastello rosacelesti, sfarinando l’architettura con i resti d’umanità, pezzi d’arredo con drammi indelebili.
… a queste profondità vana è l’attesa del sole…


http://www.cinemaitaliano.info/news/06481/mammaliturchi-un-opera-tra-la-videoarte-e.html

Frammenti da un confine - per Corso Salani

Regia, soggetto, costumi, operatore, fotografia, suono, montaggio, missaggio, titoli: Carlo Michele Schirinzi
Assistente alla regia e location: Ingrid Simon
Interpreti: Carmine Giangreco, Gianluca Arcopinto, Patrizia Di Paola, Mauro Alba, Carlo Michele Schirinzi, Gabriele Russo, Ingrid Simon
Backstage fotografico: Ingrid Simon
Attrezzista: Giancarlo Schirinzi
Trovarobato: Rita Botrugno, Luigi Schirinzi
Attrezzerie: Annarita Schirinzi, Marcello Ciullo
Produzione: Carlo Michele Schirinzi per “Untertosten Film (produktionen autarkiken)”
Anno di produzione: 2010
Paese di produzione: Italia
Durata: 11’00”
Formato originale: miniDV
Aspect ratio: 16/9
Colore: colore
Suono: stereo

Sinossi:
Finis Terrae: un pellegrino attraversa il vecchio sentiero che porta nei pressi di Santa Maria di Leuca incrociando persone ed ostacoli prima che il mare squarci le rocce.
Da questo (mio) confine, frammenti di un viaggio dedicato a Corso.

 

 

 


 

 

Venerdì 29 ottobre (ore 20.00 – ingresso gratuito) presso il Cinema Elio di Calimera Sergio Torsello e Vincenzo Santoro incontrano l'attore e antropologo Brizio Montinaro che, a seguire, proporrà lo spettacolo Danzare col Ragno, un affascinante itinerario di lettura, realizzato dall'attore e antropologo Brizio Montinaro, tra i testi storici del tarantismo nel Mezzogiorno e in Spagna - a partire dalle testimonianze cinquecentesche fino ai "racconti etnografici" di Ernesto de Martino - accompagnato dall'esecuzione, con gli strumenti dell'epoca, delle musiche che, nei secoli, sono servite nella cura magica degli effetti del morso della mitica taranta, a cura dal gruppo Ensemble Terra d'Otranto.

Brizio Montinaro nato a Calimera di Lecce, è una delle più singolari personalità del mondo dello spettacolo. Attore per professione è antropologo per vocazione. La distanza tra i due ambiti di interesse ha alimentato per anni l'idea che esistessero due persone con lo stesso nome: una appartenente al mondo dello spettacolo, l'altra inserita in qualche università italiana. Le due figure si sono ricongiunte grazie a Maria Corti, sua maestra e scrittrice che in più occasioni pubbliche ne ha parlato mettendo in rilievo la sua singolarità.

Sabato 30 Ottobre (ore 18.00 – ingresso gratuito) presso l'ex Convento degli Agostiniani di Melpignano si terrà un seminario su "Canti di lavoro e canto sociale in Puglia" a cura di Gianni Amati. A seguire sarà proiettato il documentario "Muretti a secco. Voci di Puglia" di Francesco Sossio Sacchetti, che mette a confronto più generazioni approfondendo la conoscenza delle condizioni di lavoro nei campi in Puglia. La serata si chiuderà con lo spettacolo Memorie della Terra. Racconti e canti di lavoro e di lotta del Salento e con la presentazione del libro/cd (Squilibri) tratto da esso. Lo spettacolo è di e con Vincenzo Santoro e con Daniele Girasoli (voce, tamburello, cucchiai, armonica a bocca), Maria Mazzotta (voce, tamburello, cupa cupa), Enrico Noviello (voce, tamburello, chitarra battente), Anna Cinzia Villani (voce, organetto diatonico, armonica a bocca, tamburello). Nello spettacolo la lettura di alcuni racconti - tratti da una ricerca condotta a partire dalle testimonianze orali dei protagonisti della protesta delle tabacchine di Tricase del 1935 - viene affiancata dall'esecuzione di canti tradizionali di argomento "politico e sociale", che in molti casi contengono espliciti riferimenti alle vicende narrate (tra gi altri: Lu sule calau calau, Fimmene fimmene, La tabbaccara, Madonna mia ce sta succede, Le tabbacchine di Aradeo, Maledettu lu Cinquanta, Scusati amici cari, Il canto dell'Arneo).

Lunedi 1 Novembre (ore 18 – ingresso gratuito) presso l'ex Convento degli Agostiniani di Melpignano la Taranta nella rete si conclude con la presentazione della Mappa Sonora a cura dell'Associazione Culturale Follevola, del dvd Musiki, a cura di Bigsur, frutto dei due seminari "Filmare la musica e il territorio", e del libro Sui patrimoni immateriali del Salento e del Gargano (Squilibri), che propone un estratto delle cinque tesi vincitrici del concorso La Taranta Laureata, un bando per tesi di laurea rivolto a tutti i giovani che studiano la musica popolare, dedicato a laureati, laureandi e dottorandi che tra il 2006 e il 2009 hanno curato tesi sul tema "La Notte della Taranta e il patrimonio etnografico locale". Al libro è allegato anche un cd che racchiude invece quattordici brani delle band che hanno partecipato al concorso Note per la Notte che ha concesso ad alcune di loro di esibirsi sul palco del festival La Notte della Taranta nel 2009 (Iubal Collettivo Musicale, Dj Bellezza e Rione Junno) e nel 2010 (Ri Briganti Band, Kachupa Folk Band e Joe Petrosino & Rockammorra Band). Il risultato è una panoramica eterogenea che offre spunti interessanti per "il futuro della musiche tradizionali". In chiusura concerto del Massimiliano Morabito Ensemble, guidato dall'organettista di Cisternino, che presenterà i brani del suo lavoro discografico "Sendë nà rionettë sunà", al quale hanno collaborato, tra gli altri, Maria Moramarco, Pietro Balsamo, Enza Pagliara, Maria Mazzotta, Anna Cinzia Villani, Dario Muci, Attilio Turrisi, Pietro Balsamo, Giancarlo Paglialunga, Marco Tuma, Gianluca Longo, Mauro Durante, Gianni Gelao.

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. - www.latarantanellarete.it

 


 

 

PROGRAMMA SERATA - ingresso libero

ore 19,00 (il pubblico prende posto) PROIEZIONE DI FILMATI IN DVD CON VARI CANTANTI CHE CANTANO CANZONI DI FRANCO CORLIANO'

ore 19,30 (inizio ufficiale presentazione) SALUTO DEL PROF. LUIGINO SERGIO (Presidente dell'Unione dei Comuni della Grecìa Salentina), SALUTO DEL DOTT. GIANNI PALMA (Vice Presidente dell'Unione dei Comuni della Grecìa Salentina e Assessore della Grecìa Salentina per il Comune di Calimera)

MOMENTO MUSICALE CON IL GRUPPO "ENSEMBLE TERRA D'OTRANTO" (Musica antica)

SALUTO DELL'AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI CALIMERA

RELAZIONE DEL PROF. PAOLO PROTOPAPA

RELAZIONE DEL PROF. DANIELE PALMA

SALUTO DELL'AUTORE FRANCO CORLIANO'

SALUTO DELL'EDITORE MANNI

MOMENTO MUSICALE CON ANNA TOMMASI CHE CANTA "KLAMA"

SALUTO DI EVANGELOS ALEXANDRIS (Presidente della Lega Italo-ellenica)

GRUPPO DI BALLERINI GRECI CHE PROPORRANNO ANTICHE DANZE GRECHE IN COSTUMI TRADIZIONALI.

top

 

 

 

 

 

 

 

LE SELEZIONI AVVERRANNO VENERDI' 1 OTTOBRE 2010 ALLE ORE15.00 PRESSO IL CINEMA ELIO

Questi i personaggi che cerchiamo:

1) uomo di 65/70 anni, magro (non magrissimo), alto non più di 1,65 m
2) donna di 60/65 anni, robusta, alta 1, 70 m circa (comunque più dell'uomo)
3) bambino di 3-4 anni, non vivace
4) ragazzo di 36-37 anni, magro, capelli neri, alto non più di 1,65 m
5) ragazza che dimostri 16-17 anni, magra, capelli neri, occhi grandi e scuri, viso magro, molto bella (tipo Claudia Mori da giovane) - vedi foto allegata
6) un gruppo musicale composto da: bassista, batterista, chitarrista, età compresa tra i 23 e i 30 anni, uomini (il basso può essere una donna). i componenti devono essere molto magri (o magri) ed avere l'aspetto dei gruppi punk di fine anni 70. suoneranno "non alignment pact" dei Pere Ubu - vedi foto allegata (the clash)
7) uomo, età compresa tra i 30 e i 40 anni, con tratti somatici dell'est, capace di stare in apnea: dovrà interpretare un cadavere che galleggia in mare con la testa rivolta al fondo
8) donna di 67-70 anni, aspetto signorile, sarà il cadavere di un'ex maestra di scuola. nella scena la donna starà in una bara aperta all'interno di una casa durante una veglia funebre notturna

È preferibile che le comparse, soprattutto anziane, siano della zona (Lecce e provincia)

info e contatti

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ; Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

un primo piano frontale,
un primo piano laterale,
una figura intera

top


 


 

 

siamo felici di comunicarvi che il film MAMMA LI TURCHI! del salentino Carlo Michele Schirinzi è ufficialmente iscritto alla selezione della 67. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica della Biennale di Venezia, una coproduzione Gianluca Arcopinto / Kama Soc. Coop a.r.l.

di seguito vi riportiamo alcune suggestioni

MAMMA LI TURCHI! - soggetto di Carlo Michele Schirinzi

Nero.

Suono reale del mare, una porta metallica si chiude violentemente sbattendo.

Ancora nero mentre ascoltiamo scricchiolii d'imbarcazione lignea.

Un lampo visivo mostra il mare in tormenta osservato da un vetro picchiato dalla pioggia (quasi accecando lo spettatore per l'inaspettata comparsa) e… Sbam!

Nero.

Il mare ora è ascoltato dall'interno di un container, non c'è immagine, solo nero. Profondo.

Ancora un lampo fa riemergere la tormenta d'acqua (è un mare che ricorda la pittura di Tintoretto), ancora un attimo visivo chiuso di netto dall'ennesimo sbattere di porta.

E ancora nero.

Inizia il viaggio clandestino.

Lentamente emerge un luogo abbandonato: c'è stata vita in questi interni perduti, lo si capisce dalle macerie depositate per terra (materassi, armadi, tavoli, sedie, indumenti, giocattoli, libri…), la sua conformazione architettonica fa pensare ad un ospedale, corridoi comunicano con stanze prive di finestre, e da queste aperture il cielo violenta la struttura con forza.

Tutto è distrutto.

A tratti, da quest'apnea architettonica, riemerge il mare in tormenta, spiato da vetri su cui la pioggia continua a battere cancellando in parte l'immagine.

È un viaggio, l'ennesimo viaggio clandestino all'interno di un buio container; il suono del motore dell'imbarcazione, a tratti assordante, si mescola con il rumore del mare e dell'interno/esterno di quest'arca inabissata.

Il suono è padrone incontrastato di questa traversata immaginata, liquida, in qualche modo profetica. Eil suono/rumore sembra dar vita all'immagine dell'edificio.

Ci troviamo in un ex-centro d'accoglienza per clandestini, ora abbandonato e semidistrutto, un relitto da cui trasuda il dramma di ciò che è stato, il dramma della fuga priva di meta, il dramma dei ciechi spostamenti e della continua ricerca di una nuova vita, ma soprattutto l'impotenza e l'impossibilità di modificare la propria esistenza…

MAMMA LI TURCHI! - note di regia

"Sentinella, quanto resta della notte?"

"Resta poco"

Isaia 21

Il protagonista del film è un ex-centro d'accoglienza chiuso da qualche anno anche per gli scandali dovuti al trattamento degli ospiti.

Il film non vuole essere un attacco ai carnefici, né un compatimento delle vittime, non vuol essere una critica ad un metodo sbagliato, non vuol essere un calcio ad una legge che ha permesso di creare nuove prigioni mutando il significato del termine 'ospitalità': il film non è un avvoltoio che attende le carogne e plana sulle disgrazie avvenute …

Lo scopo, se di scopo si può parlare, è mostrare uno stato di fatto, documentare con occhio vitreo quest'enorme relitto inabissato.

È una lentissima visione liquida, come se un pesce, o uno dei tanti corpi cadaveri custoditi dalle acque del Mediterraneo, s'aggirasse clandestinamente tra le piastrelle bianche di questo corpo profanato, un corpo che fu 'luogo d'accoglienza', luogo d'approdo in cui tutto è fermo, come sospeso come in un fondale, cullato dalle acque.

Non è frutto di un'ispirazione, né di una sceneggiatura meditata, si è creato da se: le immagini e le non immagini hanno preso forma, componendosi, deformandosi, ansimando, urlando come in una tragica ed angosciante 'visione d'apnea'.

Ciò che è successo è solo uno dei tasselli che compongono un mosaico ancora più grande: l'intento, allora, è scagliare violentemente un sasso all'impossibilità di modificare la propria esistenza, tirare un urlo al cielo mentre un velo d'acqua amalgama il tutto in tonalità pastello rosacelesti, sfocando l'architettura con i resti d'umanità, macerie d'arredi con drammi indelebili.

… a queste profondità vana è l'attesa di un raggio di sole…


 

giovedì 20.05.2010 - Sotto il celio azzurro...

con l'usuale delicatezza di Edoardo Winspeare.

E' il racconto di una esperienza reale, fra gioie e dolori (come è la vita).

Un asilo che non è un parcheggio, ma una comunità di affetti dove si impara che è bello avere delle radici, un posto dove tornare. I maestri diventano "zii", un po' giullari, che ridono e ballano insegnando a non aver paura degli altri e a credere in ciò che si fa, perché, comunque, ripaga.

Il regista si dice coautore del documentario, richiamando l'importanza cruciale che ha avuto la fase di montaggio, in un lavoro come questo. Le dissolvenze fra frame girati in verticale e orizzontale fanno da sfondo ai titoli di testa, lo sviluppo narrativo segue una "linearità a ritroso" (non flashback, ma fotografie, che scorrono recuperando il passato nei volti dei protagonisti, con cadenza ritmica, sulle musiche originali di GABRIELE RAMPINO).

Non sono espedienti tecnici, ma stilemi su cui si regge il senso del film.

Passaggi. Anche gli adulti sono stati bambini, sebbene essi non lo ricordino e i loro figli, spesso, non riescano a crederlo (in fondo, è una consapevolezza acquisita sulla fiducia).

Il progetto, nato da una commissione, è diventato, prima ancora di essere realizzato (così come è nella natura di Winspeare) un percorso di "intima" conoscenza con ciò che viene documentato. Figure e spazi … (grandi e piccoli) sono passati prima attraverso la sua anima. Come attraverso un prisma, tutto è filtrato e restituito a "colori" nella rappresentazione.

Il Winspeare "dei documentari" è l'occhio che ha prima di tutto la capacità di mimetizzarsi fra le cose e le persone, rispettando i lunghi silenzi interiori (l'osservazione precede per mesi la fase delle riprese).

Tema portante del lungometraggio, sebbene suo contenitore e non unico contenuto, è l'interculturalità: la "terra" in cui piantare i semi della vita vera.

Così, attraverso le sezioni narrative del film (le quattro stagioni come simboli consueti di crescita personale), ricordiamo, semplicemente, che siamo ciò che "eravamo".

E nell'ambito della rassegna Cinema d'Autore, è ribadito che,

quando ognuno fa la propria parte, è PER NON DIMENTICARE, CONTRO LE MAFIE, PER LA LEGALITA'.

di SABRINA ROSATI


Venerdi 5 marzo 2010. RADIO EGNATIA

Il Nuovo Cinema Elio ha inaugurato la programmazione "Cinema D'Autore"(Circuito regionale sale cinematografiche di qualità), con la proiezione del documentario Radio Egnatia, di Davide Barletti (produzione Fluid Video Crew) e le suggestioni sonore dello spettacolo musicale "Sintonizzando Radio Egnatia", a cura di Raffaella Aprile e Antongiulio Galeandro.

Finanziato dalla Regione Puglia, con le risorse dei fondi europei dell'Asse IV FESR 2007/2013, il Progetto D'Autore è nato con l'obiettivo di restituire al cinema d'autore lo spazio e l'attenzione che merita.

Non a caso, il primo appuntamento del programma è stato riservato al documentario di Davide Barletti; lavoro nato qui, nella Grecìa salentina, e realizzato grazie alla tenacia del regista e alla passione di tutti coloro che, da subito, hanno creduto nella qualità indiscutibile di un progetto come questo.

"Radio Egnatia" è l'esperienza di un "viaggio" in sala, attraverso paesaggi, incontri e suggestioni mirabilmente sospese fra artificio e realtà e, ricordando le parole di Claudio Magris in Danubio,anch'esso, come tutti i viaggi imprevedibili (fatto di intrichi, fra la dispersione dei sentieri e la casualità delle soste), ha una sua "architettura, ove è possibile portare qualche pietra", non per costruire paesaggi, ma per scomporli e goderne.

E' un piccolo affresco, che racconta del presente e del passato, di tempi che convivono da millenni, in luoghi costantemente in bilico fra vita e arte.

Tutto comincia dove sorge la terra straniera che ci assomiglia, dove ancora si respirano i profumi delle diverse stagioni di una cultura che è nata dalla grande Storia e dalle piccole fedi quotidiane.

E' un percorso "relazionale", un itinerario di conoscenza fra terre e genti riscoperte da immagini e ritmi carpiti lungo l'antica strada romana tracciata agli albori dei secoli.

Seguendo la linea virtuale del 41° parallelo, al di là del mare (il canale d'Otranto), rinveniamo il cammino (a tratti disconnesso) che univa le due capitali dell'Impero: da Occidente ad Oriente, Roma e Costantinopoli.

Le riprese, durate quattro anni lungo un tragitto di più di mille chilometri, mostrano una ad una le tracce ripercorse dalle frequenze di una radio immaginaria, che emette frammenti sonori e stralci d'informazione quotidiana.

Quei luoghi sono paesi vicini e lontani, nemici e fratelli, che trasudano gli echi di una Storia complessa e custodiscono (fieri) tradizioni inevitabilmente contaminate.

Attraversate le frontiere (che sulle acque di un lago si possono "navigare"), ogni sosta è l'occasione per fermare il "senso" ritrovato ed inciderlo su una chianca, posta a testimonianza del suo ricordo.

A conclusione della serata, rimaniamo immersi nella dimensione surreale delle Onde Medie di "Radio Egnatia", accompagnati dalla splendida voce di Raffaella Aprile e dalle note della fisarmonica di Antongiulio Galeandro, stupiti nel riscontrare come alla fine tutto si confonde, sino ad approdare nel luogo "vero" di una frequenza reale (il porto di Istanbul).

di SABRINA ROSATI